BOND (PDL) SU GIUBILEO DI SAN VITTORE: “LA REGIONE FARA’ LA SUA PARTE E A GIUGNO SCENDEREMO A CASTEL GANDOLFO” L’APPELLO: “APPROFITTIAMO DEL VOLANO PUBBLICITARIO DEL GIRO D’ITALIA”

Conto alla rovescia per il giubileo di San Vittore ad Anzù di Feltre e giorni di impegno per il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond: “Ho contattato il Ministero e gli uffici romani per capire se si possono recuperare dei soldi dal capitolo dedicato al consolidamento della rocca.

SANITA’: PIPITONE (IDV): NON RIDURRE OSPEDALI AGORDO E PIEVE

11 MAG – E’ davvero previsto il ridimensionamento degli ospedali di Agordo e Pieve di Cadore? Lo chiedono all’assessore alla sanità della Giunta veneta, Luca Coletto, i consiglieri regionali dell’Italia dei Valori Antonino Pipitone e Gennaro Marotta, con un’interrogazione depositata oggi relativamente all’ipotesi, formulata dal direttore generale dell’Ulss 1, di trasformare la Chirurgia di Agordo in day-surgery, tenendo attive le sale operatorie solo dalle 8 alle 20.

BOND E CHISSO SU PONTI COMELICO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO-BOND (PDL) SU VIABILITA’ COMELICO: “VIA LIBERA AL FINANZIAMENTO PER LA STRADA DI BUS DE VAL” – CHISSO (PDL): “MASSIMA ATTENZIONE PER L’INTERO COMPRENSORIO. NON CI FERMEREMO QUI”

LOTTA DURA CONTRO L’INCENDIO DI LA VALLE AGORDINA

BELLUNO, 11 MAG – Sono riprese stamani alle prime luci del giorno le operazioni per tenere sotto controllo il vasto incendio boschivo sviluppatosi nella giornata di ieri sopra l’abitato di La Muda, nel comune bellunese di LaValle Agordina.

GIRO D’ITALIA: TOSCANI, ALBERGATORI CADORINI PENALIZZATI

La carovana rosa penalizza il Cadore? Se lo chiede il vicepresidente del consiglio regionale Matteo Toscani, che vuole vederci chiaro su quanto sta succedendo in vista dell’arrivo del Giro d’Italia in provincia di Belluno e chiede spiegazioni a chi si sta occupando dell’organizzazione delle due tappe bellunesi, in programma il 24 e 25 maggio prossimi, dopo l’arrivo del 22 e la successiva giornata di riposo.

Marcolin: Consob, Inmar Srl detiene 25,035% delle quote

A seguito degli atti di reintestazione fiduciaria e di donazione che hanno avuto per oggetto alcune quote della societa’ Inmar Srl e usufrutti su azioni Marcolin a seguito delle quali Coffen Giovanni Marcolin non detiene piu’ il controllo di Inmar stessa, lo scorso 28 aprile quest’ultima detiene una partecipazione del 25,035% in Marcolin.