1 Febbraio 2012 at 17:07

CORTINA, NUOVO ERRORE NELLE IMMAGINI PER LA PROMOZIONE ALLA CANDIDATURA. ED E’ POLEMICA .


CORTINA, NUOVO ERRORE NELLE IMMAGINI PER LA PROMOZIONE ALLA
CANDIDATURA. ED E’ POLEMICA .
Una stretta di mano, ma dal verso sbagliato.
Non è passata inosservata l’immagine della nuova campagna promozionale
per la candidatura di Cortina ai mondiali del 2017. E la polemica si è
accesa in poche così come era successo in occasione dei famosi
manifesti con le montagne di Madonna di Campiglio. Nel pomeriggio la
replica del Consorzio Cortina Turismo che riportiamo:

Cortina 2017 LA STRETTA DI MANO COME SIMBOLO

Cortina d’Ampezzo, 01 febbraio 2012
Una stretta di mano, un gesto simbolico che rappresentasse la collaborazione e il lavoro di squadra. Questo era l’obiettivo di Cortina 2017 con l’affissione che da qualche giorno ha trovato spazio in zona autostazione. Un messaggio semplice e diretto ai cuori delle persone: la candidatura è un gioco di squadra, un’occasione per Cortina, un cappello sotto il quale restare uniti, un progetto fatto di persone e di coinvolgimento. Un messaggio ambizioso. Forse troppo.

Convenzionalmente ci si stringe la mano con la destra e non con la sinistra, ma una stretta di mano è pur sempre una stretta di mano, un gesto che racconta prima di tutto un’unione e un accordo. L’affissione ritrae due mani sinistre, il responsabile marketing e i grafici che hanno lavorato alla creatività sono d’accordo sul fatto che sarebbe stato forse più corretto e didascalico utilizzare due mani destre, ma una stretta di mano continua a essere una stretta di mano.

Il Comitato in queste ore ha deciso di non sostituire l’affissione, sarebbe poco appropriato in questo momento spendere dei soldi per cambiare un piccolo dettaglio in quella che rimarrebbe comunque una stretta di mano, simbolica, a identificare la necessità per un Paese di lavorare insieme, fianco a fianco per portare avanti un progetto fondamentale.

Cortina d’Ampezzo, 01 febbraio 2012_Una stretta di mano, un gesto simbolico che rappresentasse la collaborazione e il lavoro di squadra. Questo era l’obiettivo di Cortina 2017 con l’affissione che da qualche giorno ha trovato spazio in zona autostazione. Un messaggio semplice e diretto ai cuori delle persone: la candidatura è un gioco di squadra, un’occasione per Cortina, un cappello sotto il quale restare uniti, un progetto fatto di persone e di coinvolgimento. Un messaggio ambizioso. Forse troppo.

Convenzionalmente ci si stringe la mano con la destra e non con la sinistra, ma una stretta di mano è pur sempre una stretta di mano, un gesto che racconta prima di tutto un’unione e un accordo. L’affissione ritrae due mani sinistre, il responsabile marketing e i grafici che hanno lavorato alla creatività sono d’accordo sul fatto che sarebbe stato forse più corretto e didascalico utilizzare due mani destre, ma una stretta di mano continua a essere una stretta di mano.

Il Comitato in queste ore ha deciso di non sostituire l’affissione, sarebbe poco appropriato in questo momento spendere dei soldi per cambiare un piccolo dettaglio in quella che rimarrebbe comunque una stretta di mano, simbolica, a identificare la necessità per un Paese di lavorare insieme, fianco a fianco per portare avanti un progetto fondamentale.

One Comment

  1. […] volta sì era stata una gaffe. Ma questa volta NO, NON CI STO !!! Il mancinismo di Cortina non è una

    gaffe, è un inchino alla […]

Rispondi a Il mancinismo di Cortina non è una gaffe, è un inchino alla creatività » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*